I dividendi frenano la crisi

Le aziende italiane staccano le prime cedole, che in generale sono molto buone e in linea con le previsioni. Se il trend fosse confermato, i risultati delle imprese quotate potrebbero sostenere il valore delle quotazioni. Guerra (e Covid) permettendo

Il punto settimanale di Carlo Vedani – AD di Alicanto Capital SGR – sulla situazione dei mercati finanziari

Le previsioni sui dividendi delle aziende italiane prefiguravano rendimenti generosi, per una media fra il 4,5% e il 5% e lo stacco delle prime cedole ha confermato l’ottimismo. In particolare, a offrire remunerazioni molto alte sono Stellantis, Mediolanum e Banco Bpm, recentemente agli onori della cronaca per l’ingresso di Crédit Agricole fra i propri azionisti.
Più bassa invece la cedola di Unicredit: il gruppo bancario ha anche rinviato (dal 27 aprile al 4 maggio) l’approvazione della trimestrale, per gestire la forte esposizione verso la Russia. Un problema destinato ad avere un impatto significativo per la banca di piazza Gae Aulenti, che ha già registrato un calo delle quotazioni del 30% da inizio anno.

Bond, convenienti solo oltre oceano

Sicuramente sono buone le prime trimestrali americane, che hanno visto sorridere soprattutto le aziende tradizionali. Anche se sulle imprese statunitensi pende una spada di Damocle: il rialzo dei tassi, che probabilmente si spingerà anche oltre il 3% dichiarato entro fine anno.
La mossa della Fed è in grado di rilanciare il comparto obbligazionario che con percentuali di questo genere può tornare a proporsi come alternativa credibile all’azionario. Un’eventualità simile è invece da escludersi in Europa. Un esempio su tutti, il rendimento del Bund tedesco, che la scorsa settimana ha toccato lo 0,80%, un livello che non si vedeva da più di dieci anni. Se non che, con l’inflazione al 7%, la perdita per gli obbligazionisti “cassettisti” è fin troppo chiara – ed è molto maggiore rispetto ai tempi in cui i buoni del tesoro tedeschi offrivano una performance di -0,30%, ma con inflazione a zero.
Certamente la guerra russo-ucraina e i suoi risvolti continuano a piazzare ostacoli sulla strada della ripresa dei mercati e dell’economia: il petrolio non scende da quota 100, il prezzo del gas galoppa e i beni alimentari costano sempre di più. In particolare, la crisi bellica sta impattando sulla produzione di grano in Ucraina, con ovvi rincari su pasta, pane e filiera alimentare in generale. Un problema serio in Europa e drammatico nell’Africa subsahariana, dove il rincaro dei beni di prima necessità potrebbe creare un vero disastro umanitario.

Cina, il lockdown ferma le aziende

Ad aggravare il contesto ci sono i nuovi lockdown cinesi, che coinvolgono circa 400 milioni di persone, concentrate nelle aree produttive del paese. Lo stop delle attività, oltre a creare problemi molto importanti per la popolazione, si sta riverberando a cascata sulle società occidentali, costrette a fermare la produzione in aree chiave del territorio cinese.
Per contrastare un effetto domino che potrebbe causare ulteriori difficoltà all’economia di tutto il mondo, le autorità locali hanno annunciato, per la città di Shanghai, l’introduzione di sistemi “a bolla” negli stabilimenti. Vale a dire: i lavoratori non lasceranno l’impresa – e dormiranno anche al suo interno – per riattivare la produzione senza rischiare contatti con persone al di fuori del perimetro aziendale. Un sistema, questo, sperimentato anche in occasione dei Giochi Olimpici Invernali di Pechino.
A quanto si sa, a questo schema aderirà Tesla, che fornirà pasti, sacchi a pelo e materassi ai dipendenti, oltre a un’indennità aggiuntiva.

Battaglia su Twitter

Tutto questo mentre il nome di Elon Musk è in evidenza per un’altra operazione: i 43 miliardi di dollari sul piatto per il 100% di Twitter. Un’offerta che è inferiore del 40% rispetto al massimo valore raggiunto dalla società dei cinguettii: si può dire che il magnate americano abbia scelto i tempi con accuratezza, dopo essersi convinto che è più economico acquistare un social network già collaudato piuttosto che partire da zero, come da intenzioni iniziali.
Il tentativo del numero uno di Tesla è sostenuto dal mercato – che attualmente rende Twitter l’unica società tecnologica a offrire performance in Borsa – e applaudito dai sostenitori del “libero pensiero”, principio che Musk vuole introdurre nella policy del social network.
All’offerta di “mister Tesla”, l’attuale proprietà di Twitter ha reagito con un’alzata di scudi, innescando una battaglia dagli esiti tutt’altro che chiari.

Addio al quantitative easing: sarà vero?

Tra i protagonisti della scorsa settimana c’è anche la Banca Centrale Europea, che ha comunicato la rimodulazione del quantitative easing per il terzo trimestre. Vedremo se l’Eurotower lo farà davvero: più volte, Christine Lagarde ha annunciato operazioni che alla fine sono state rimandate, smentite o annacquate.
Per ora siamo davanti a un annuncio e nulla più, probabilmente diffuso per tastare il polso dei mercati e studiare reazioni e impatti. Non per niente, gli acquisti di bond vanno avanti. In futuro potrebbero anche diminuire, ma sembra escluso che la Bce possa permettere una caduta libera dei titoli di stato, cosa che metterebbe di nuovo al centro la possibilità di un break up dell’euro.
Nell’incertezza che la Bce segua le scelte della Fed sui tassi, è certo invece che l’inflazione europea è molto diversa da quella americana. Oltre oceano, il fenomeno è infatti anche legato ai salari, in un mercato del lavoro molto effervescente: per ogni disoccupato americano c’è una media di 1,7 posti disponibili. Mentre in Europa siamo esattamente all’opposto.

Il dollaro si avvicina all’euro

La guerra russo-ucraina continua a influire negativamente sull’euro: il dollaro ha sfondato la soglia psicologica di 1,08. Il biglietto verde potrebbe rafforzarsi ulteriormente, anche se è molto difficile che arrivi alla parità visto l’elevato livello del debito pubblico Usa.
Sul valore del dollaro incombe anche la posizione della Cina, che – se solo lo volesse – potrebbe liquidare il debito pubblico americano, facendo impennare i rendimenti dei titoli di stato. Un’arma molto potente, che Pechino ha in mano da molti anni e che un giorno potrebbe minacciare di utilizzare.
Un giorno, appunto, ma non ora. L’economia cinese dipende troppo dall’esportazione nel mondo occidentale e un’operazione così estrema si rivelerebbe un boomerang ancora più distruttivo che non le sanzioni introdotte dall’Europa contro la Russia.

Bitcoin in calo

Infine un accenno ai bitcoin, che continuano il loro movimento laterale. E questo non sorprende: le criptovalute sono un asset ancora troppo fluido, che però sembra mantenere una buona correlazione con il mercato tecnologico e il Nasdaq.
Il trading range dei bitcoin da inizio anno è comunque molto vasto, compreso fra i 35.000 e i 45.000 dollari. Aspetto non trascurabile poi è la negoziazione delle criptovalute: acquistarle è molto semplice, ma venderle presenta complicazioni. Sempre più banche creano, infatti, molte difficoltà ad accettare denaro da piattaforme specializzate nella compravendita di monete virtuali per timori legati all’antiriciclaggio e alla tracciabilità.
In futuro, questi problemi potrebbero anche essere risolti, ma ora sembra ancora troppo presto per considerare le criptovalute una normale e agevole forma di investimento.

2022-04-20T09:37:01+00:0020 aprile 2022|
Questo sito utilizza cookie tecnici strettamente necessari al funzionamento dello stesso e previo consenso cookie analitici di terze parti. Cliccando sul pulsante accetta, acconsenti all’installazione di questi ultimi. Se vuoi consultare la cookie policy clicca qui. Accetta cookie