Nulla di nuovo sul fronte Generali

L’assemblea del Leone ha scelto la continuità ad ampia maggioranza. Vincono Mediobanca e Donnet, si chiude una contesa durata mesi. La crisi dell’auto e il crollo del titolo Amazon

Il punto settimanale di Carlo Vedani – AD di Alicanto Capital SGR – sulla situazione dei mercati finanziari

Si è conclusa venerdì scorso la lunga contesa per il controllo del gruppo Generali, che per mesi aveva visto contrapposti gli azionisti capitanati da Mediobanca (che ricandidavano Philippe Donnet come amministratore delegato) e la cordata Caltagirone-Del Vecchio-Benetton.
L’assemblea di venerdì scorso, con un eloquente 55,9% del capitale e dieci consiglieri eletti contro tre, ha infatti optato per la squadra dell’ad uscente, confermando il ruolo centrale di Piazzetta Cuccia nella gestione del Leone.
Nonostante il clima da “mezzogiorno di fuoco” creato dai media, questo risultato era abbastanza scontato: in questi anni Donnet e la sua squadra hanno lavorato bene e non si riesce a capire fino in fondo quali fossero le ricette di Caltagirone.
Se la contesa è finita, il clima di ostilità non si è del tutto esaurito: nel primo cda svoltosi ieri, tre consiglieri di minoranza hanno scelto di non rinnovare la fiducia all’amministratore delegato (due i contrari e un’astensione). Mentre sarebbe bene che tutti optassero per un’unità di intenti, data la centralità di Generali per il paese. Soprattutto in un periodo così difficile per la nostra economia

Forti rallentamenti per l’auto

Tra i sistemi produttivi colpiti dalla crisi c’è l’industria dell’auto: è notizia di ieri il calo delle vendite di Stellantis, che ad aprile 2022 ha fatto registrare un -41% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Dalle case automobilistiche sale forte la richiesta di introduzione di nuovi incentivi.
La crisi del settore motor non è però cosa di questi giorni. Parte della responsabilità è delle forniture: l’anno scorso si erano verificate criticità sui chip, quest’anno è stata la volta dell’aumento del rame.
A questi problemi si aggiungono il caro-benzina e la transizione elettrica. Nel primo caso, lo sconto della tassazione sul carburante è stato prolungato al prossimo luglio, ma prima o poi finirà. E l’acquisto di un’autovettura è una scelta a lungo termine.
Anche l’incertezza sul futuro delle auto a benzina può convincere i conducenti a tenere ancora per un po’ la vecchia macchina. Della serie: “aspettiamo qualche anno e vediamo come si mette”: l’acquisto di un’auto è tutto tranne che un investimento.

Bitcoin: c’è chi dice no

Nel mondo c’è anche chi pensa che il bitcoin non sia nemmeno un investimento. In questo gruppo militano sicuramente Warren Buffet e Charlie Munger, che – nonostante l’età avanzata – hanno tenuto la scena nel corso dell’assemblea di Berkshire Hathaway.
Buffett – uomo che ha sempre investito in economia reale – ha confermato la sua avversione per le criptovalute. Dichiarando che non acquisterebbe tutti i bitcoin del mondo, neppure se gli fossero offerti in blocco a 25 dollari.
Charlie Munger si è spinto persino oltre. “Nella mia vita”, ha detto il 98enne vicepresidente di Berkshire, “cerco di evitare le cose stupide, quelle malvagie e quelle che mi mettono in cattiva luce. E il bitcoin fa tutte e tre le cose. Prima di tutto è stupido perché è ancora probabile che vada a zero. È malvagio perché mina il sistema della Federal Reserve. E in terzo luogo ci fa sembrare stupidi rispetto al leader comunista in Cina. Che è stato abbastanza intelligente da vietare il bitcoin nel suo paese.” Le riserve di Buffet e Munger non sono affatto campate per aria. Essenzialmente perché non si riesce ancora a capire che cosa sia davvero una criptovaluta. Ciò che è certo è che è una striscia alfanumerica, anche molto inquinante. Le cose potrebbero cambiare se molti paesi seguissero El Salvador, che ha fissato il bitcoin come valuta. Ma questo scenario è ben lontano (oltre che molto difficile) dal verificarsi

La crisi dei tecnologici

Warren Buffett difficilmente investe in tecnologia: “non la capisco”, ha affermato più volte. Qualunque cosa si possa pensare di questo approccio, è sempre bene ricordare che questi titoli si sviluppano a multipli molto elevati. E prima o poi si ridimensionano, avvicinandosi al loro valore reale.
La scorsa settimana, a calare sono state Apple (su cui Buffett investe dal 2016) e Amazon: la prima ordinatamente, la seconda facendo registrare una vera e propria picchiata. Sicuramente non inattesa: Amazon era l’ultimo dei titoli FANG che non si era ancora “disintegrato”: con un mercato tecnologico in grande sofferenza, il crollo era solo questione di tempo.
Ciò ha comunque dimostrato – se ce ne fosse stato bisogno – l’inadeguatezza delle teorie che vedono il mercato in crescita continua. Lo dice la storia: dei primi dieci titoli per capitalizzazione degli anni Settanta, sei sono cambiati nel decennio successivo. Negli anni Novanta, i top erano i telefonici. Che esistono ancora, ma sono stati rimpiazzati dai tecnologici, in forte difficoltà dopo il 2002. Fra dieci anni, in tutta probabilità, la hit parade delle azioni suonerà ancora un’altra musica.

Buone le trimestrali

A salvarsi, in questo periodo di sofferenza, sono state le trimestrali, che hanno visto una buona performance anche delle aziende tradizionali.
Ma l’inflazione ci impone comunque una certa cautela. Anche se, sui due lati dell’oceano, le cause sono diverse. In Europa dipende quasi interamente dai costi dell’energia e delle materie prime, mentre negli Stati Uniti si verifica un’inflazione di tipo salariale, con più posti di lavoro a disposizione rispetto al numero dei lavoratori. Una situazione diametralmente opposta a quella italiana, caratterizzata da un forte dumping. Soprattutto al sud che, secondo una statistica, è la macroregione europea con il maggiore tasso di disoccupazione. A lavorare, secondo questi dati, è il 41% dei cittadini – una cifra da interpretare con attenzione e leggere congiuntamente con il ricorso al reddito di cittadinanza e la presenza di situazioni di lavoro non regolare.
Come se non bastasse è tornato il pericolo-spread. Ancora più insidioso, dato che il Bund non sta vivendo i suoi momenti migliori. Il rischio è più grave di quanto si pensi, dato che lo si sta ampiamente sottovalutando. Perché c’è sempre qualcuno che ne potrebbe approfittare. Non dobbiamo dimenticare che esiste anche una “finanza speculativa” che per far soldi è particolarmente spietata.

Rublo su, euro giù

L’euro intanto ha sfondato il cambio a 1,08 e si è portato a 1,05. La situazione si riflette anche nell’ulteriore crescita dei tassi Usa, quelli a due anni al 2% e i decennali al 3%, contro l’1% del Bund. Oggi, chi vuole investire nell’obbligazionario si rivolge al dollaro.
Per quanto tempo è prevista la sottovalutazione dell’euro? Probabilmente la risposta dipende dalla questione ucraina, in particolare da quanto durerà.
Finora, a essere danneggiata dalla guerra è stata solo l’economia europea: il rublo, seppur teoricamente, è tornato a livelli pre-invasione e la Russia sembra aver evitato ancora il default tecnico del suo debito in valuta estera, grazie a un’iniezione di capitale ricevuta da tre investitori.
Mosca si muove anche sulle azioni russe che erano quotate su listini europei, con la proposta di negoziarle in rubli sul Moex. Una mossa che potrebbe remunerare molto bene dato che – un esempio su tutti – se oggi fosse possibile convertire le azioni Gazprom in rubli, si raddoppierebbe l’investimento rispetto all’ultimo valore rilevato prima che entrassero in vigore le sanzioni.
E invece, a pagare i danni sono, come sempre, i risparmiatori: gli hedge fund americani, infatti, le aggirano operando da paesi come le Cayman o le Isole Vergini, che con la Russia continuano ad avere rapporti normali.

 

2022-05-04T10:48:51+00:004 maggio 2022|
Questo sito utilizza cookie tecnici strettamente necessari al funzionamento dello stesso e previo consenso cookie analitici di terze parti. Cliccando sul pulsante accetta, acconsenti all’installazione di questi ultimi. Se vuoi consultare la cookie policy clicca qui. Accetta cookie